La sindrome di Rubens

cover

Durante la visita al museo Thyssen Bornemisza di Madrid, Lidia si ferma a guardare un’opera di Rubens, vicino a lei c’è un giovane che pare affascinato quanto lei dal quadro.
Un visitatore come un altro, un uomo bello e sconosciuto da cui viene irresistibilmente attratta. Quello che fanno nel museo non è previsto, né logico ma è reale come la passione che li travolge.
Lui non parla la sua lingua, le lascia solo un nome e un indirizzo mail. Non è il suo, è quello di un famoso professore di storia dell’arte, Matthias Sallmann. Lidia lo vede in televisione e si accorge che l’uomo bellissimo, esperto studioso di arte, non è lo sconosciuto che l’ha amata. Il professore sostiene una teoria chiamata sindrome di Rubens che scatenerebbe i sensi di alcune persone, portandole a essere travolte dalla passione più sfrenata. Lidia pensa di esserne stata colpita e scrive a Sallmann per avere informazioni. Incontrerà così il professore ma anche lo sconosciuto del museo. Da loro imparerà a indagare le misteriose vie che legano l’eros all’arte.

“Lidia, con un movimento che sorprese lei per prima, gli prese una mano, intrecciando le dita in quelle dell’uomo. Ormai non poteva, nemmeno voleva, opporsi alla forza che irresistibile la spingeva verso lo sconosciuto. Alzò la testa e si guardarono. Non servivano altre parole, quello che i loro sguardi si erano detti era il puro desiderio l’uno dell’altra.”

Il formato ebook è disponibile su Amazon e aderisce al programma Unlimited.

Per gli amanti della carta sempre su Amazon è disponibile il  cartaceo.

Copia di foto 11

Annunci